Curva Blu IV [2019]

Curva Blu è il programma di residenza per artisti di INCURVA.

Curva Blu si svolge nel cuore del Mediterraneo, sull’isola di Favignana, un ecosistema dalle molteplici sfaccettature, un territorio di esplorazione e scoperta. Il progetto offre agli artisti partecipanti un’occasione unica di ricerca, dove caratteristiche geografiche, storiche e sociali sono fonte di ispirazione e oggetto di sperimentazione, dialogo e scambio. Fin dal suo concepimento, Curva Blu invita gli artisti in residenza a confrontarsi con il  territorio.

La quarta edizione di Curva Blu, che si terrà tra giugno e luglio 2019, utilizza il concetto di dialogo come forma dialettica di incontro e confronto. Per questa edizione le curatrici hanno invitato: Francesco Pedraglio (Italia), Tania Pérez Córdova (Messico), Margherita Raso (Italia) e Dominique White (Regno Unito).

Gli artisti useranno la permanenza sull’isola per ricercare e approfondire temi e processi già presenti nel loro lavoro, lasciandosi contaminare dalla vita comunitaria e dal  territorio.

Curva Blu favorisce l’uso di processi e discorsi artistici personali come punti di partenza creativi per avviare nuove forme di produzione artistica incentrate sulla collaborazione, incoraggiando nuove prospettive critiche.

Marianna Vecellio e Attilia Fattori Franchini

Gli artisti residenti del 2019 sono:

Francesco Pedraglio (1981, Italia)

Francesco Pedraglio (1981, Italia) è interessato allo storytelling come mezzo per decodificare il suo relazionarsi sia con situazioni sociali ordinarie che storicamente complesse. In particolare Pedraglio si concentra sulle metodologie con cui la narrazione e la “messa in scena” influenzano la relazione tra un narratore e un ascoltatore, lo spettatore e un oggetto. In tutti i media utilizzati, performance, scultura, installazione o film, il fulcro della sua pratica artistica rimane sempre la scrittura. Il suo lavoro è stato presentato presso: Norma Mangione Gallery (2019), Kettle’s Yard, Cambridge (2018), Museo Leonora Carrington, San Luis Potosí (2018), P///AKT, Amsterdam (2017), Kunstverein Monaco (2017), CRAC Alsace (2017), Sheffield Fringe (2016), Parallel Oaxaca, Messico (2015), The Physics Room, Nuova Zelanda (2015); Kunsthalle Vienna (2015); ICA, Londra (2015).

Una collezione di poesie intitolata 99 Battle and 1 War (an extract) è stata pubblicata da Piano Nobile (CH) nel 2016. Il romanzo A man in a room spray painting a fly è stato pubblicato da Book Works nel 2014. Insieme all’artista Tania Pérez Córdova, Pedraglio dirige il progetto editoriale Juan de la Cosa / John of the Thing.

Tania Pérez Córdova (1979, Messico)

Tania Pérez Córdova (1979, Messico) La sua pratica spazia tra diversi media e si concentra sulla relazione apparentemente paradossale tra la materialità e la narratività intrinseca della creazione. I suoi oggetti diventano cifre per le situazioni astratte, pur rimanendo fedeli alle loro caratteristiche formali e concettuali. Lo scontro tra la temporalità di un oggetto e il suo aspetto rivela l’inaspettata comparsa di narrazioni personali, frammenti di dialoghi e umori semplici, trasformando le sue sculture in performance basate su oggetti. Insieme all’artista Francesco Pedraglio gestisce il progetto editoriale Juan de la Cosa / John of the Thing.

Recenti mostre personali includono: Daylength of a Room,Kunsthalle Basel, Basilea (2018) e Smoke, nearby, MCA Chicago (2017). Mostre collettive recenti includono: SITElines 2018, Casa Tomada, SITE, Santa Fe (2018); Ayrton, Museo Tamayo, Città del Messico (2017); 11a Biennale di Gwangju “The Eighth Climate (What Does Art Do?)”, Gwangju, (2016); Surround Audience: the New Museum Triennial 2015 , New Museum, New York (2015).

Margherita Raso (1991, Italia)

Margherita Raso (nata nel 1991, Italia) vive e lavora tra New York e Milano. Ha conseguito la laurea in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Nel 2014 ha co-fondato l’artist-run space Armada. Le sue opere presentano superfici diverse, intrecciate, sfumate e tattili, simili alla pelle. Tramite l’utilizzo di tessuti realizzati con la tecnica dello Jacquard, l’artista indaga il ruolo e il significato della superficie. Le sue più recenti produzioni tessili – dal nome “woven drawings” – si basano sull’invenzione di un linguaggio dal repertorio gestuale, le cui tracce vengono trattenute e registrate. Che si tratti di tessuto o ceramica, bronzo o ghisa, l’approccio dell’artista ai materiali intende creare narrazioni di forme mutate in cui il corpo esiste con i suoi limiti e possibilità di trasformazione.

Le mostre recenti includono: La terra piatta è la dimensione lirica di un luogo come se regredire fosse inventare, Octagon, Milano (2019); Canal, Bible, New York (2018); That’s IT!, MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna (2018); Piercing, Fanta-MLN, Milano (2017); Where Wild Flowers Grow, Armada, Milano (2016).

Dominique White (1993, Regno Unito)

Dominique White (1993, Regno Unito) indaga le teorie dell’accellerazionismo-Black e dell’Afrofuturismo mettendole in relazione ai miti nautici legati alla Black Diaspora (diaspora africana), e sintetizzabili con il termine Shipwrecked (Naufragato); un termine che indica un verbo ma anche una condizione esistenziale. Le sue sculture dimostrano come l’esistenza Black possa espandersi oltre i propri limiti soggettivi e agiscono come fari, boe o vascelli di una civiltà ignorata, una civiltà senza Stato; un regno in cui passato, presente e futuro si fondono nel Black Future.

Mostre e presentazioni recenti includono:  Fugitive of the State(less), VEDA, Firenze (2019); Flood-tide, Love Unlimited, Glasgow (2018); The Share of Opulence; Doubled; Fractional, Sophie Tappeiner, Vienna (2018); °c, Clearview.ltd, London (2018); The Conch – April 2018, South London Gallery, London (2018). White ha partecipato al programma di residenze d’artista del Wysing Arts Centre (UK) nel 2018.

Immagini e programma degli open studio:

A Favignana, gli artisti presenteranno il loro lavoro durante gli eventi conclusivi.

 

Installazioni temporanee:

Venerdì 12 luglio
ore 17.30, Bue Marino
Tania Pérez Córdova
Francesco Pedraglio
ore 19.30, Punta Marsala
Dominique White

 

Sabato 13 luglio
ore 18, Cava Cavallo
Margherita Raso
ore 20, Caserme dello Stornello
Francesco Pedraglio

 

Visita agli studi degli artisti:

Domenica 14 luglio
dalle 10 alle 13, Ex-Stabilimento Florio

Marianna Vecellio – chief curator

Curator, researcher, and writer is an art historian. In 2012 she has been appointed as curator at Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli/Torino – where she works since 2007. She has curated various exhibitions and publications among the other Andres Serrano’s Via Crucis, Massimo Grimaldi’s Before The Images, Paloma Varga Weisz, Rachel Rose, Cecile B. Evans, Ed Atkins, Anna Boghiguian and edited monographic catalogs such as John McCracken and Luigi Ontani. She collaborates to numerous editorial projects with particular attention to historical research in the compilation of chronological and anthological histories. From 2009 she is in the committee board of Public Art of the City of Torino. She has contributed to numerous Italian and International magazines. She is currently working at the solo exhibition of Hito Steyerl and Cally Spooner. Working on Curva Blu since 2016, for INCURVA, Marianna also curated Sivilization’s Wake by Stephen G. Rhodes and Barry Johnston (Palermo, 2018).

Attilia Fattori Franchini – curator

Attilia Fattori Franchini e’ una curatrice indipendente che vive tra Vienna e Londra. E’ la fondatrice delle piattaforme nonprofit bubblebyte.org and Opening Times e contribuisce a riviste internazionali quali Mousse, CURA, e Flash Art International.

Fattori Franchini e’ attualmente curatrice di BMW Open Work, Frieze Londra (2017 -); Curva Blu; la sezione Emergent di miart, Milan (2018 -); ed ha diretto la sessantunesima edizione del Premio Termoli. Progetti recenti includono: Could you visit me in dreams? curated_by 2018, Vienna; Red Lake, Point Centre for Contemporary Art, Nicosia, CY, (2018); e ARS17+, Kiasma, Museum, Helsinki (2017).

Progetti passati: Céu Torto, Boatos Fine Arts, São Paulo (2017); Dawning, Capitán Gallo, Citta’ del Messico, (2017); Morning uber, evening oscillators, Seventeen, London (2016); Europa and the Bull, LambdaLambdaLambda, Pristina, Kosovo (2016); Oa4s, Temra and David in 4 parts, Sorbus, Helsinki (2016); Kuvan Kevät, Kuvat Academy of Fine Arts, Helsinki (2015); Bold Tendencies, London (2015); and HAND, Barbican Centre, London (2013). http://attiliaff.com

Ex Stabilimento Florio delle Tonnare di Favignana e Formica

Gli studi di Curva Blu si trovano all’interno dell’Ex-Stabilimento Florio delle Tonnare di Favignana e Formica

Il museo è aperto tutti i giorni in questi orari:

luglio, agosto, settembre: 10-13.30 e 17-23.30

giugno, ottobre: 10 – 17

Raggiungere Favignana

Siamo a disposizione per aiutarti a raggiungere Favignana, quindi non esitare a contattarci. Ecco alcuni consigli per il viaggio.

Favignana è una piccola isola al largo della costa della Sicilia occidentale, in Italia. Gli aeroporti più vicini sono Trapani e Palermo.

Favignana è raggiungibile in 30 minuti di aliscafo dal porto Trapani o dal porto di Marsala oppure 60 minuti di traghetto dal porto di Trapani

I collegamenti da Trapani sono più frequenti: per prenotare un aliscafo consulta www.libertylines.it e per prenotare un traghetto consulta www.carontetourist.it

Sull’isola si possono noleggiare mezzi di trasporto, ma se hai bisogno di portare un veicolo sull’isola, dovrai viaggiare con Siremar o NGI

Distanza dal porto di Trapani:

Dall’aeroporto di Trapani:
– 30 minuti in auto – puoi prendere un taxi all’aeroporto (30 EUR) o chiamare Michelangelo per un van / auto 335 82 25 215
– 40 minuti in autobus, corse frequenti

Dall’aeroporto di Palermo:
– 60 minuti in auto: contattare Michelangelo Transfer per van / auto 335 82 25 215 (circa 75 EUR)
– 70 minuti di autobus, orari qui
– 2 ore di autobus: andare a Palermo prima (autobus, taxi, taxi condiviso) e scendere a Via Belgio, da lì prendere un autobus per Trapani, orario qui

Dal porto / centro di Palermo:
– 80 minuti in auto: contattare Michelangelo Transfer per auto/ van  335 82 25 215 (circa 75 EUR)
– da 90 a 120 minuti con l’autobus, orari qui

Ferrovia: a meno che non vogliate godervi un lungo viaggio, scoraggiamo a prendere il treno

A Favignana

Trasporto una volta a Favignana:
– Noleggia la tua auto / bici / scooter a Infopoint, grande edificio rosso al porto di Favignana
– Ci sono molti servizi di taxi sull’isola

Affitti di case consigliati (i nostri amici!):
– Le case di Alessandra: https://www.traventoemare.it/
– Le case di Rosario su Airbnb
– Case di Davide www.favignanacasa.it
– Numerose altre opzioni su Airbnb

Hotel consigliati (i nostri amici!):
– Casa al mare
– Hotel Cave Bianche
– Hotel delle Cave

Curva Blu è realizzata in partnership con le seguenti istituzioni:

e grazie al supporto tecnico di:

Babi 1 (2016), Babi 2 (2016) e Babi (2016) sono le prime opere d’arte realizzate durante Curva Blu. Le tre sculture sono state prodotte da Lupo Borgonovo a Favignana e sono adesso esposte per “ZEESTER”, mostra personale dell’artista al Museo Civico Castelbuono (Palermo) visitabile dall’8 agosto al 29 settembre 2019. Più info

Kore (2019), realizzato di da Margherita Raso durante Curva Blu 2019 , è parte della mostra collettiva “Le Monde Ou Rien” organizzata da Sgomento a Napoli (Più info). Durante la sua residenza a Favignana, Margherita Raso ha imparato a scolpire la calcarenite grazie ai consigli di Benito Alessandra, presso il suo “Giardino Incantato”

Congratulazioni a Stephen G. Rhodes e Barry Johnston, finalisti del terzo Mario Merz Prize con Sivilization’s Wake, co-prodotto da INCURVA. Potete votare qui mariomerzprize.org

Congratulations Trisha Baga for her solo show at Greene Naftali (NYC), also featuring the cave footage shot during Curva Blu 2017. More info

INCURVA has been invited at Supercondominio, a gathering of new contemporary art spaces in Italy promoted by Castello di Rivoli and its research department, the CRRI. More info about the event

8 July 2018

Some of the works conceived during the Curva Blu 2017 residency are on show at Loom Gallery, more info here.

9 May 2018

We are glad to see part of the research that took place during Curva Aperta 2017 surfacing in Gianni Politi’s exhibition “2017”. More information here. 14 Apr 2018

Some of the research carried during Curva Blu 2016 by Nicola and Jacopo on show at Mega Off-site. More info here 14 Apr 2018

Trisha Baga’s work produced during Curva Blu 2017 residency was exhibited at The Whitney Museum of American Art (New York City) Art Party, sponsored by Birkenstock. 20 Nov 2017

“Egadi (il mondo di ieri)” (2016), shot in Favignana by Renato Leotta, is on view at Quadriennale di Roma 2016. 26 Mar 2016

INCURVA mira a rendere la Sicilia occidentale un terreno fertile per la ricerca nell’arte contemporanea, riattivando i suoi spazi pubblici e stimolando il dialogo con le sue comunità locali attraverso una piattaforma per residenze, conferenze e mostre. Anno di fondazione 2016.

INCURVA è un’associazione culturale no profit, qui potete trovare più informazioni su come partecipare e/o sostenere la nostra attività

Per contattarci o essere aggiornati sulla nostra attività: info@incurva,  Instagram , Facebook o newsletter.





Design: Mattia Losa | David Mozzetta | Marco Tomassoli
Web Development:  Davide Giorgetta

News
About